Aumenta Default Riduci Home page Il volo libero in Abruzzo

Un parapendio è uguale ad un paracadute?

No. Il Parapendio è simile ai paracadute direzionali moderni utilizzati per lo skydiving, ma vi sono alcune differenze importanti. Mentre il paracadutista si lancia da un aereo già in volo, il pilota del parapendio parte dalla terra.

Infatti, il parapendio decolla per mezzo della rincorsa del pilota e la costruzione del parapendio e` più fine in quanto il mezzo stesso non deve subire lo choc dell`apertura veloce ad alta velocità. Il parapendio in genere ha più celle, e i cordini sono più sottili rispetto al paracadute. Inoltre l`efficenza del parapendio è superiore a quella del paracadute e permette di planare per maggiori distanze. 

Perché volare in parapendio?

Nessuno ti obbliga a volare e probabilmente se sei qui a leggere queste righe qualcosa ti frulla già in testa. Il perchè lo sa solo chi vola ed è diverso per ognuno. Una cosa è certa, il senso di libertà che trasmette.

Da dove si decolla? E dove si atterra?

Si decolla normalmente da una collina o montagna che abbia un sufficiente dislivello; in pianura e` possibile decollare al traino. Per decollare, due elementi sono necessari: un`ala con forma aerodinamica e velocità`. Si ottiene la velocità correndo. La forma aerodinamica viene data all`ala dal gonfiaggio della stessa. Molti pensano che il parapendista non decolla, ma si butta giù da qualche precipizio. Non e` cosi`.

E` pericoloso?

Volare in parapendio può essere pericoloso esattamente allo stesso modo di qualunque altra forma di volo sportivo. Detto questo, va sottolineato che il volo sportivo in parapendio può essere praticato in sicurezza. I parapendii stessi vengono ormai certificati per sicurezza da Enti Internazionali Competenti: per i parapendii omologati, gli incidenti causati da cedimenti strutturali, adoperate entro i limiti di sicurezza stabiliti, appartengono per fortuna al passato. E per gestire gli ormai rarissimi casi di cedimento del parapendio, la stramaggioranza dei piloti vola comunque dotata di paracadute di emergenza.

In più, l`istruzione in materia e` stata standardizzata a livello nazionale e internazionale, e oggigiorno la maggioranza dei neofiti impara sotto la guida di istruttori certificati, seguendo un programma comprensivo e graduato di istruzione. Ne consegue che si vedono ormai pochissimi piloti non addestrati che tentano di volare con mezzi insicuri da siti pericolosi.

Dove si vola?

In decollo sul mare a Scivu (Sardegna)
Con un pò di vento il divertimento è assicurato
Ad esclusione di alcune zone vietate (nei pressi di aereoporti, zone militari, aree con restrizioni e sui centri abitati) in tutto il mondo. Esistono due metodi di decollo: da traino (anche dalla pianura) o da qualche montagna o collina (il dislivello non conta, addirittura è possibile volare per ore anche su una duna di sabbia di 15 metri!).

Quanto si va in altezza e in distanza?

L`altezza e la distanza dipendono sostanzialmente dalle condizioni aerologiche che il pilota riscontra, e della bravura dello stesso pilota. Comunque, il parapendio vola nelle parti bassi dell`atmosfera, ossia fra a 4/6.000 metri. Per quanto riguarda la distanza, anche se i record mondiali si misurano ormai in centinaia di chilometri, la maggior parte dei piloti non si sposta molto lontano dai punti di decollo.

Quanto dura un volo?

E` molto difficile a dirlo. Da 5 minuti a 5 ore, dipende dalle condizioni aerologiche, e dalla bravura del pilota. Comunque, in genere, più dura il volo, più ne rimane soddisfatto il pilota.

Lo può fare chiunque?

Si, a patto di seguire un corso di istruzione proposto da un istruttore competente e (meglio ancora) certificato. Le emozioni del volo sono uniche, e mai dimenticate una volta assaggiate. Oltre alla preparazione tecnica, non ci vuole una preparazione fisica particolare. Recentemente, in Italia come anche all`estero, si sono svolti con successo corsi di volo anche per persone con handicap fisico.

Come si inizia?

Durante le lezioni al campo scuola
Si dovrebbe sempre iniziare sotto la guida di un istruttore competente e qualificato; il corso di istruzione non e` particolarmente lungo. La prima fase dell`istruzione consiste nel prendere confidenza con l` attrezzatura. Si fa` solitamente sul piano. Una volta che l`allievo ha imparato a controllare la vela, iniziano gradualmente i primi stacchetti da terra: 1 metro, 2 metri, 5 metri per una distanza di volo di 20 metri.... l`approccio e` graduale e controllato. Poi, i primi voli intermedi, i primi voli veri... E in seguito, nelle parole profetiche di Leonardo da Vinci:
una volta che abbiate conosciuto il volo,
camminerete sulla terra guardando il cielo:
perché là siete stati, e là desiderate tornare

E` costoso?

Un corso di volo in parapendio, fino al superamento degli esami dell`AeroClubd`Italia e conseguente rilascio di brevetto, costa dai 800 ai 1.000 EURO, e comprende normalmente l`uso dell`attrezzatura per tutta la durata del corso. Quanto costa l`attrezzatura? E` difficile rispondere, come sarebbe difficile rispondere alla domanda quanto costa una autovettura?. Dipende dalla marca, dalle prestazioni, dal concessionario.... Per dare una idea, un parapendio nuovo buono + imbrago di buona marca costa dai 2.000 ai 3.000 EURO.

Cosa occorre per iniziare?

Solo la volontà.
Il volo liberoF.A.Q. volo libero
IndietroTop
www.vololibero.abruzzo.it © c.f. mrldnc68r10z614r - ultimo aggiornamento 8 marzo 2018